Melatonina


Melatonina: Cosa è

La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale (o epifisi), una piccolissima ghiandola situata all’interno – e grossomodo al centro – della nostra testa.

La ghiandola Pineale

La ghiandola pineale riceve una parte delle informazioni visive attraverso un lungo percorso; le informazioni luminose ricevute dalla retina vengono dapprima inviate al nucleo soprachiasmatico dell’ipotalamo (un’area nota per la sua attività di orologio biologico). Da qui alcune fibre discendono nel midollo spinale e raggiungono il ganglio cervicale superiore, dal quale si dipartono assoni post-sinaptici che raggiungono la ghiandola pineale.

Dato che riceve informazioni riguardo la quantità di luce ambientale, la ghiandola pineale – attraverso la secrezione dell’ormone melatonina – è responsabile del ritmocircadiano. In poche parole essa regola l’equilibrio tra sonno e veglia.

La melatonina è prodotta in maggior quantità durante la notte, mentre i suoi livelli scendono durante il giorno. La sua produzione è comunque variabile in funzione dell’età: è molto bassa nell’infante e nell’anziano, per aumentare in età adulta.

Melatonina
Melatonina

L’ormone melatonina è stato isolato negli anni ’50 del secolo scorso da Aaron B. Lerner, un dermatologo che era convinto di poter utilizzare questa sostanza per il trattamento della vitiligine – speranza che si è rivelata poi completamente vana.

A cosa serve

L’influenza sul ritmo sonno-veglia avviene mediante una regolazione dell’orologio biologico in funzione delle nostre attività e della presenza della luce ambientale. Solitamente il ritmo segue dunque il normale andamento del giorno e della notte, ma nella società moderna è facile che questo orologio si destabilizzi. Lo stress, il lavoro, i turni, il lavoro di ufficio fanno sì che i nostri occhi siano bombardati di stimoli luminosi innaturali, che spostano avanti o indietro le lancette dell’orologio. Ne scaturiscono insonnia e/o eccessiva sonnolenza diurna.
Ecco perchè è particolarmente importante evitare di guardare la televisione a letto o di utilizzare lo smartphone in tarda notte.

Oltre a regolare il ritmo circadiano, la melatonina possiede influenze benefiche sul sistema immunitario.

Melatonina: come si assume

Assumere la melatonina, disponibile in numerose formulazioni a diverso dosaggio e modalità di assunzione, può pertanto aiutare a ristabilire il normale ritmo sonno-veglia.
Solitamente se ne assume 1mg circa 30-40 minuti prima di coricarsi. E’ possibile assumere un altro milligrammo qualora la prima dose non fosse sufficiente a prendere sonno.

E’ opportuno prolungare la terapia per almeno 15-20 giorni in modo da indurre cambiamenti duraturi.